martedì 9 aprile 2013

Generazione caffè: zuppa di farro e cicerchie al caffè

Scrivo con piacere questo post, pur non essendo una gran bevitrice della nera e ammaliante bevanda, per diffondere questa bella iniziativa di Altromercato a tutti voi, che sicuramente siete dei conoscitori più esperti della sottoscritta :)

Questo mese, dal 2 fino al 19 aprile, nelle botteghe Altromercato aderenti ( qui trovate l'elenco) il caffè si racconta: dalle coltivazioni lontane al prodotto finito, in un viaggio fra popoli e culture. Oltre a un notevole sconto sull'acquisto di questi prodotti, è possibile anche scambiare un qualsiasi imballo del vostro caffè di casa con un "cialdadanaio"... ma che cos'è???? Andate un po' a vedere, con una bobina usata di caffè cosa ci combinano gli artigiani vietnamiti del Commercio Equo e Solidale!

Ovviamente non potevo rifiutare una tale sfida: appena mi hanno chiesto se me la sentivo di proporre qualche ricetta al caffè, che non fosse il classico tiramisù.... CRIIIIIIIK CRIIIIK CRIK: gli ingranaggi si sono messi in moto!

Qui trovate le ricette al caffè provenienti da cucine professionali e anche da blogger (fra cui una certa Patapata..).

Dedicata a chi ama il caffè, perché il suo aroma è inconfondibile; agli amanti di zuppe e pappette, come la sottoscritta; ma anche a chi di solito non ama zuppe e pappette.. perché pure Merlino ha fatto il bis!!

Unica raccomandazione: usate un caffè molto aromatico, esalterà il particolare gusto nocciolato delle cicerchie.




Zuppa di farro e cicerchie al caffè


100 g di cicerchie Libera Terra
100 g di farro
1 cipolla piccola
1 carota grande
2 spicchi di aglio
2 cucchiai di olio extravergine
odori (alloro, rosmarino, timo)
sale
2 tazzine di caffè Messico Uciri Altromercato
polvere di caffè

Lasciare le cicerchi in ammollo dalle 12 alle 24 ore (se l'avete, con un pezzo di alga kombu). Più lungo è l'ammollo, minore sarà il tempo di cottura.


Il giorno seguente, scolate e sciacquate bene le cicerchie, riempire una pentola con tanta acqua quanto è il volume dei legumi moltiplicato per 3 volte e portare a bollore con le cicerchie e una foglia d'alloro. Cuocere per almeno 15-20 minuti (anche di più se l'ammollo è stato breve), poi aggiungere le verdure tritate e gli odori, senza salare. Nel frattempo sciacquare il farro e aggiungerlo alla zuppa, tenendo d'occhio il livello dell'acqua, che non sia troppo liquida né troppo asciutta. 10 minuti prima di spegnere il fuoco, versare il caffè e salare. Rimuovere gli odori, spegnere il fuoco e condire con la polvere di caffè e 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva.
Servire caldissima.




Il gusto sarà ancora migliore se preparata in anticipo, magari la mattina e riscaldata la sera. In questo caso, spegnete il fuoco molto in anticipo e allungate con uno-due mestoli di brodo o acqua calda, quando cereali e legumi sono ancora al dente, perché in acqua calda continuano a cuocere anche a fuoco spento!








7 commenti:

  1. Per me tè tutta la vita, ma il caffè in alcuni piatti lo uso volentieri, appena un accenno... adoro il tiramisù, un classico come giustamente hai detto tu, non sono originale... :-) Ma la tua zuppa lo è e mi incuriosisce, approvo l'idea anche senza averla ancora assaggiata, solo con l'immaginazione... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho iniziato di recente ad apprezzarlo nei salati, smorza il dolce di alcune pietanze e ne esalta il gusto!

      Elimina
  2. Solo 1 parola: avanguardista!!!

    RispondiElimina
  3. niente da dire: una ricetta fantasiosa e da provare!
    Bravissima... le cicherchie le ho!
    Ciao

    RispondiElimina
  4. Brava, ottima segnalazione e poi complimenti per quest bellissima zuppa :-) BAcioni

    RispondiElimina
  5. con il caffè, ma daaaaaaaaai che favola!!! Proverò, mi piace sperimentare! ^_*

    RispondiElimina
  6. questa del caffè è una dritta FUTURISTA!!!
    Bellissima zuppa tesoro, grande idea!
    Sandra

    RispondiElimina

Ogni commento è ben accetto: fatevi sotto!!