domenica 19 gennaio 2014

Avena e trevisana: e la pancia piena anche col mal di denti


Quando inizio io ad andare dal dentista, è la morte... anzi, la via crucis...
Da un semplice controllo, finisce sempre che devo o cavarmi un dente del giudizio (e siamo a 3.. ormai tanto vale finire in bellezza col quarto), o devitalizzare il cavolo di molare accanto. Stavolta sono entrambe le cose, più un'altra seccatura.

Dopo l'ennesimo appuntamento del venerdì con l'amico dei denti sani -e acerrimo nemico dei nervi saldi-  sono tornata a casa con la gengiva maciullata e mezza faccia anestetizzata, e zero possibilità di addentare la focaccia di pasta madre con trevisana che avevo appena impastato (maledett**)/çéç*è+è°?^ç°@]ùàà] !!!).

Dopo una sfuriata delle mie -scusa Merlino! non ce l'avevo con te!- non mi sono data per vinta: col cavolo che Patapata va a letto con la pancia vuota!! Dacché ricordi, non ho mai saltato un pasto, MAI. Non esiste.. piuttosto mi mangio una macedonia di rinforzo, un dolcino (più probabile..). A vedermi non si direbbe che sono una golosona, ma è così. Perciò questa cosa della bocca convalescente è davvero un dramma per me!

E fu così, che quel piatto improvvisato stile orfanotrofio, si è rivelato una squisitezza, degno di foto e conseguente post!
La dolcezza del porridge d'avena senza latte, arricchita dal sapore un po' ospedaliero e nonnereccio della farina di riso fata a semolino, è quello che ci vuole per accompagnare un bel cespetto di trevisana, giustamente amara e più-che-giustamente ubriaca!


 ..consiglio: magari andateci piano col vino se poi vi dovete beccare un ibuprofene :(



Porridge povero di avena e riso 
con trevisana ubriaca

1 tazza di fiocchi d'avena piccoli
2 cucchiai di farina di riso
2 tazze circa di brodo vegetale leggero
1 cespo di trevisana
1 cucchiaio di olio extravergine
1/2 bicchiere di vino rosso
sale, pepe
noci
aneto fresco


Preparare il porridge: nel pomeriggio ho messo in ammollo l'avena e la farina di riso in una casseruola con il brodo, per ridurre poi al minimo il tempo di cottura. Bastano 7 minuti: accendere il fornello al minimo e continuare a mescolare per evitare che l'avena si attachi al fondo della pentola. Una volta raggiunta la giusta cremosità, il "porridge" è pronto.
Accendere il fornello sotto alla padella antiaderente, versare un cucchiaio di olio e soffriggere un minuto la trevisana. A me piace così, ma volendo potete preparare un soffritto di cipolla per arrichirne il sapore. Sfumare col vino, salare e proseguire la cottura. Io ho stracotto per 10 minuti, per forza dentale maggiore... Pepare e sbriciolare un paio di noci. Impiattare il porridge e al centro la trevisana. Un giro d'olio e qualche ciuffetto di aneto a dare freschezza... dopo un bell'ibuprofene e addio mal di denti :)






Io lo ridico: ricette come questa faranno parte dei miei corsi di cucina! Se siete di queste parti (Seregno, Monza Brianza), o conoscete persone della zona, SAPEVATELO :)))


https://www.facebook.com/pasticcipatapata

Info e iscrizioni: zy.patapata@gmail.com 

8 commenti:

  1. Wow che bello il corso!
    Brava!!!
    Non parlarmi di dentista anche per me è sempre una tragedia!!! :))))))
    Il tuo porridge ha un'aria molto appetitosa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. abbasso i dentisti e W l'avena!!!! bacioni doloranti

      Elimina
  2. intanto complimenti per il corso!spero per te che ci siano tanti iscritti.io i denti del giudizio li ho tolti tutti, ti capisco.per il resto invece, non ho mai avuto una carie in vita mia per fortuna.
    comunque la tua avena è buonissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima :)) ti auguro di non avere mai problemi di quel tipo!!!

      Elimina
  3. Mamma mia! Quanto mi piace questa ricetta! Meravigliosa! (Scusa ai punti esclamativi È l'eccessivo entusiasmo)... Vorrei tanto fare colazione con questo corrige salato… adoro! Complimentissimi a presto
    Federica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai, grazieeee! detto da te, è un onore! :)

      Elimina
  4. Come ti capisco... odio andare dal dentista! Complimenti per la tua iniziativa, ti faccio il mio in bocca al lupo da quaggiù :)
    Di porridge mi hai fatto venire voglia! Salvo la tua ricetta e replico al più presto :) Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie leti, fammi sapere quannnnto ti è piaciuto ;)

      Elimina

Ogni commento è ben accetto: fatevi sotto!!