venerdì 25 gennaio 2013

Una celiaca e una vegetariana a cena: antipasti??

Oggi parliamo di antipasti! Chi non ama l'antipasto all'italiana???
....IO  :)

Non ho mai capito il senso di tutta quella sovrabbondanza di salumi, formaggi, gnocco fritto, pizzette, focaccine e non so quale altre bombe di carboidrati-trigliceroidei, PRIMA di iniziare il pasto..

Credo di aver vissuto sulla mia pelle più volte l'iperbole di questo genere di usanza:

Natale dalla nonna di Merlino - veneta, ex cuoca, detta Mary Poppins - nomignolo dovuto alla sua incredibile abilità di estrarre dalla cucina (borsa senza fondo?) quantità inimmaginabili di cibo fritto, al forno, in umido, contemporaneamente e continuamente, pur avendo una cucina-loculo. Di solito siamo in 15 persone.

Ore 11.59: aperitivo con crodino e patatine, salatini e pistacchi.

Ore 12.15: tutti ai nostri posti. Sulla tavola: vassoi kilometrici di prosciutto san daniele, salame nostrano, roastbeef, cotechino in crosta (?!?), pancetta, coppa etc etc; marmitta con un quintale di insalata russa con maionese fatta in casa e pollo; vassoio di insalata di mare; vitello tonnato; peperoni arrostiti e (stra)conditi; grissini al sesamo e pane ferrarese; sott'oli (ma solo per lavare via eh).

Ore 12.45: bis di primi, pasta fresca fatta in casa, più ovviamente le possibili varianti nei condimenti: al burro versato ppure al pomodoro, ai formaggi oppure al ragù etc. Quindi in totale 4 possibilità di scelta o, più probabilmente, tutte e quattro insieme.

Ore 13.10: grande assortimento di fauna in tutte le salse. Di solito non manca mai un arrosto. Poi almeno altre due scelte (eh per forza!) fra: coniglio, cervo, roastbeef, agnello che possono essere in salmì, alla cacciatora occhessoio. Oltre alla fauna di terra, ce n'è sempre almeno una (più spesso due) ittica: salmone al forno, sicuro. Se sei fortunato può darsi anche spada ai ferri o orata al cartoccio.
Tutta la ciccia accompagnata da leggeri contorni: melanzane alla parmigiana, spinaci al burro e parmigiano, patate al forno (eh per forza!), insalata.

...e lasciamo stare quando fa i fritti... la prossima volta, adesso non ce la fo'!


Ore 13.45: per i sopravvissuti è prevista una noce (geneticamente modificata vista la grandezza..) di parmigiano, oltre alla macedonia e/o ai mandaranci, che sono necessari per lavare via...

Ore 14.00: arrivano i dolci. Si perché in genere almeno due o tre persone si incaricano di fare i dolci. E manco a dirlo, ognuno ne prepara per il doppio dei commensali, per cortesia. Non mancano mai i cioccolatini e i mignon della zia, che si diletta di piccola pasticceria. Poi potrebbe esserci lo strudel-biscotto di mele, la zuppa inglese o un bel pandispagna di 4 piani farcito di crema e cioccolato.

Ore 14.30: caffé.

Ore 14.40: amari e grappe... e rum e vini liquorosi di ogni sorta.


Thanks god, I'm vegetarian!

Dopo aver ripreso i sensi, si torna a casa, con il consueto proposito della dieta super stringente, che inizierà in data da definirsi.



Beh, torniamo ai MIEI antipasti.
Una cena con un vegetariano (la sottoscritta) e un celiaco (un'amica carissimissima) è divertentissima da preparare, io ho pensato a dei finger di zucchina, un'insalata russa (non proprio Mary Poppins-style..) allo yogurt e un classico hummus da servire con crudité e gallette di mais.







FINGER DI ZUCCHINE FASHION

3 zucchine grosse cotte a vapore
1/2 barbabietola cotta a vapore
250 g di ricotta resa cremosa
1 cucchiaio di olio di semi
pepe
mandorle


Preparare la mousse fucsia mixando la ricotta con la barbabietola e l'olio. Aggiustare di pepe.
Tagliare la zucchina a cilindretti, scavare leggermente una delle estremità.
Con l'aiuto di un sac à poche, guarnire la zucchina con la mousse. Cospargere di mandorle tritate.








Dato che mi avanzavano le verdure..

INSALATA RUSSA ALLO YOGURT

1/2 barbabietola cotta
1 zucchina
125 g di yogurt intero
1 cucchiaino di tahin
qualche goccia di aceto
sale, pepe
2 cucchiai diolio di semi di girasole
semi di sesamo


Preparare la salsina sbattendo bene lo yogurt con gli altri ingredienti.
Tagliare a julienne le verdure e condire con la salsina.
Cospargere coi semi di sesamo.














 Per i curiosi, il piatto unico era un riso thai nero al naturale che accompagnava uno stufato di verdure e ceci speziato. Come dolce ho servito quel meraviglioso dessert che si mangia nei ristoranti mediorientali, un budino di latte e farina di riso (io latte di riso) all'acqua di rose e salsia al cardamomo e zafferano.
voilà, tout le mond est content, sans crime!!


18 commenti:

  1. bellissima coppia a tavola assieme che ti ha permesso di sbizzarrirti un bel po

    RispondiElimina
  2. si si li conosco bene quei pranzi natalizi, quando si ha finito si è pronti per il paté di fegato grasso, come le oche! ahahahahah!
    Ottima la tua proposta ed è anche una bella sfida! ;)

    RispondiElimina
  3. Provare per credere e io ho avuto questo immenso privilegio soprattutto quello di poter avere la fortuna di condividere un delizioso pranzo con amici meravigliosi e il tutto straordinariamente e squisitamente Gluten free! Pranzo buonissimo con effetti speciali dati dai variopinti piatti e ottimo buonvino, per non tralasciare lottimo soundtrack ;) grazie amiciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mmm questo anonimo mi suona familiare.... è lei, la colpevole n.2 !! un abbraccio, replichiamo al più presto!

      Elimina
    2. Scusate se mi intrometto ma sono l'anonimo n. 2 che purtroppo non e" potuto essere con l'anonimo n.1 quel giorno per geografici motivi... Wow. Anonimo n.1 aveva proprio ragione: che cuoca sublime.. Piatti semplici ma allo stesso tempo ricercati e oserei dire sexy! Complimenti e mi autoinvito appena possibile ;) se anonimo n.1 mi porta con se of course! Ciaooo da london ;)

      Elimina
    3. wow, Patapata è sbarcata a London :))) caro M, il tuo invito è come un biglietto aereo open, quando vuoi!! vi aspetto ;)

      Elimina
  4. Dove lo trovo il tahin? mi piace molto l'insalata russa fatta così ma mi sorge questo dubbio perchè non so proprio cosa sia!
    Per il resto tutto bellissimo e buonissimo.. Il colore della barbabietola è meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima :) italianizzandolo, a volte trovi la TAHINA, dipende dalle marche.. io lo trovo al supermercato, in qualsiasi, nel reparto "etnico" (per intenderci, fra la salsa di soia e le tortillas.. come se c'entrasse ualcosa :D ). Si può usare per tutto, oltre ad essere una prelibatezza è assolutamente priva di colesterolo e grassi animali, perché è 100% sesamo! qui lo spiega meglio: http://www.casadivita.despar.it/altoadige/page/come-preparare-tahin-sesamo/

      Elimina
  5. E' un'idea carina da realizzare anche con i carciofi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dici di usare i carciofi al posto delle zucchine, come contenitore?? sisì, decisamente! danno anche un bel contrasto di sapore con la dolcezza della barbabietola

      Elimina
  6. Oddio hai descritto pari-pari la cena della vigilia da mia nonna (ex cuoca veneta pure lei)!!! Che incubo... ultimamente però io e mamma (la figlia, che già a suo tempo fece la scelta di diventare vegetariana...) ci proponiamo di "aiutare"... limitando la fauna al secondo (di pesce)e qualche antipasto, appunto (poveri gamberi in "cocktail" e capesante gratinate galleggianti nel burro)inserendo una quantità incredibile di verdure! Non si è rivoluzionato niente ma migliorato sì, eccome!
    La tua cenetta è fenomenale e scenografica (anch'io adoro il fucsia delle rape rosse :))) ) e ha uno -tra i tanti- vantaggi: che non ti resta come ricordo per i giorni a venire ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, in tali situazioni bisogna cercare di offrire il proprio aiuto in modo che sembri un immenso piacere incondizionato dare un contributo, e non una "correzione" del menù crudele! difficile impresa!

      Elimina
  7. Cioè…vuoi mettere la golosità e la bellezza dei tuoi antipasti rispetto a quelle valanghe di cibo ammazza-stomaci?!?!?!
    Però mi è piaciuto proprio immaginare la nonna Mary Poppins nella mini cucina di Barbie :D

    RispondiElimina
  8. ultrafashion!!! devo assolutamente provare questi antipastini ora che sono a dieta (lo avrei fatto anche se non lo fossi ma la dieta è un incentivo eheh). L'insalata russa non la mangio mai perchè non amo la maionese ma questa mi attira un sacco!

    bello il tuo blog, dopo averlo scoperto casualmente sono venuta a curiosare tra le tue ricette, tutte molto interessanti e golose, complimenti!
    passa anche da me se ti va ;)

    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  9. Io, non vegetariana ma quasi, avrei mangiato TUTTO con moltissima gioia. Oltre tutto il tuo antipasto in technicolor è davvero accattivante!
    Credo vi siate godute il cobo alla grande. Chapeau!
    Un abbraccio
    p.s. ma come fate dalla nonna? MI sentro male solo a leggere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehhh anni e anni di training psico-motorio !!

      Elimina
  10. ma che colori favolosi! e che ricette fantasiose, mi piacciono moltissimo. complimenti. eleonora
    http://eilbasilico.blogspot.it/

    RispondiElimina

Ogni commento è ben accetto: fatevi sotto!!